Copia di Apprendimento permanente, realtÓ europea-CENTRO STUDI INTERGENERAZIONALE

CENTRO STUDI INTERGENERAZIONALE

floral divider

         

 


PROGETTO SETA
(Servizio Telematico di Assistenza Domiciliare Integrata)

Relazione conclusiva del progetto

Questi ultimi decenni hanno registrato un enorme progresso tecnologico tale da imporre alle scienze in generale progressi di particolari dimensioni.
Sia nell’ambito della geriatria di base che di quella applicativa si stanno introducendo tecnologie tali che solo qualche decennio fa sarebbero sembrate molto distanti dagli interessi reali del cittadino anziano. L’invecchiamento della popolazione pone enormi problemi soprattutto in presenza di malattie croniche capaci di incidere profondamente sulla qualità di vita.
L’anziano non va più considerato oggetto da “archiviare” in un ospizio, quando non autosufficiente, ma deve sempre più essere visto come una persona da curare, quando si ammala, nel proprio ambiente di vita.
Questo significa modificare completamente l’approccio alla persona anziana e al non autosufficiente in generale, e si pone come unica possibile soluzione alternativa nei confronti di un fenomeno, anche da un punto di vista quantitativo, sempre più in espansione.
L’attuale popolazione della provincia di Matera risulta di 204.108 abitanti dei quali 47.697 sono ultrasessantenni.
Il programma del progetto SETA (Servizio Telematico di Assistenza Domiciliare Integrata) ha avuto inizio con una indagine sui bisogni reali delle persone anziane non
autosufficienti parziali o totali residenti nei Comuni contemplati dal “Gal Le Macine”.
Tale indagine è stata condotta coinvolgendo persone ultrasessantenni, tramite somministrazione di un questionario o attraverso intervista telefonica. I dati forniti sono stati elaborati in un Report finale.
In questa fase sono state progettate e programmate in dettaglio le attività sul territorio afferente al GAL-Le Macine, con le tecniche e metodi propri dell’azione-partecipata, che ci hanno permesso di individuare, rispetto ai bisogni espressi dagli anziani e loro familiari nonché dai rappresentanti istituzionali, le linee essenziali di sperimentazione del Servizio e di informazione e promozione.
L’analisi dei bisogni espressi ci hanno permesso di fare uno studio scientifico sulle caratteristiche socio-sanitarie della popolazione anziana interessata, al fine di rilevare le dimensioni quantitative e qualitative della domanda, nonché la ricaduta in termini di qualità di vita che questo servizio potrebbe indurre.
In particolare l’attività di ricerca-azione ha sviluppato le seguenti fasi:
Progettazione ed elaborazione ad hoc dello strumento di indagine : questionario.
Indagine e Ricerca sul campo (Interviste e somministrazione del questionario)
Elaborazione e analisi dei dati raccolti
Incontri con i responsabili del servizio ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) dell’Azienda ASL n.5 di Montalbano Jonico
Colloqui con funzionari e titolari degli Assessorati alle politiche sociali dei Comuni interessati
Valutazione della normativa della Regione Basilicata in vigore attinente all’assistenza domiciliare
Un costante e diretto rapporto è stato curato con il prof. Fabrizio Ricci del Centro Nazionale delle Ricerche, nostro consulente nel progetto SETA.
Due giornate di studio sono state poi riservate per l’elaborazione e la definizione degli interventi tecnici informatici curati da un’azienda leader del settore: I & T – Informatica e Tecnologia S.r.l. con sede a Bari.
Inoltre e stata particolarmente curato l’aspetto di comunicazione e formazione prevista nel progetto in collaborazione con una società con sede a Roma: SIDEA S.r.l. – Servizi per la comunicazione e l’immagine.
Lo studio di fattibilità prodotto permetterà di implementare un’esperienza pilota di servizio di Telemedicina applicata nel territorio del distretto socio-sanitario di Stigliano, andando a coprire le esigenze dell’anziano con patologie croniche fino all’ammalato che richiede un controllo specialistico continuativo.

 15 ottobre 2004