Storia-CENSIN - CENTRO STUDI INTERGENERAZIONALE

Storia dal 1985 a oggi

Biglietto_Censin_2020

 

Lifelong Learnig o Apprendimento permanente (1985-1989)

Logo_centro_studi

Il Centro Studi ha fondato la prima Università della Terza Età in Basilicata nel 1985 e ha avviato la prima sperimentazione a livello nazionale del sistema di apprendimento a distanza rivolto alle persone anziane.

 
***

Programma Youthstart Progetto Altea - Ministero del Lavoro UCOFPL - Div. IV   (1995-1997)

Programma_Comunitario

 

l Progetto Europeo denominato "Terra dell'Età Libera" fu dedicato all'accoglienza degli anziani europei per promuovere in Basilicata il soggiorno, l'incontro, lo scambio culturale, la cura e la salute. L'idea trovò l'adesione di partners europei di altri quattro paesi (Francia, Regno Unito, Spagna, Olanda). Il progetto si mosse su tre principali giustificazioni: le potenzialità delle risorse locali a forte attrattività per il turismo culturale; i bisogni socio-occupazionali locali; lo scambio intergenerazionale ed etico tra giovani e persone anziane. Il progetto fu promosso da organismi di formazione nazionale (Sistem Form) e locale (Formatur) e sostenuta dal programma Youth-Start europeo. Il Centro Studi condivise il partenariato italiano nelle attività di studi e ricerche preparatorie e di orientamento e formazione.

***
 

Progetto "La memoria collettiva" (2003)

                                                         Memoria_collettiva

Il Centro Studi in collaborazione con la Fenacom 50&Più e le maggiori Associazioni delle Università della Terza età, ha partecipato al progetto, denominato La Memoria Collettiva. Il progetto si proponeva come principale obiettivo il recupero del patrimonio di usi, costumi e tradizioni popolari sedimentato nei ricordi e nei documenti, con il diretto coinvolgimento delle persone anziane. 

 ***

Progetto SE.T.A. - Servizio Telematico di Assistenza domiciliare integrata (2004-2006)
 
progetto_seta
 

Il progetto SETA ( Servizio Telematico di Assistenza domiciliare integrata ) fu realizzato sulla scorta di esperienze consolidate del CNR di Roma ed aveva come obiettivo la definizione di un servizio Web che consentisse a diversi operatori sanitari (medici generali e specialisti, infermieri, ausiliari) di collaborare nella cura di un paziente non ospedalizzato attraverso l'accesso ai suoi dati clinici, inseriti nella cartella clinica virtuale (CCV) del progetto, utilizzando un sistema di comunicazione su una rete fissa, satellite, telefonia mobile o rete locale wireless. Obiettivo del progetto era creare un sistema di assistenza domiciliare per pazienti cardiopatici, in alcuni Comuni della Basilicata, attraverso una rete di operatori sul territorio implementata dall’utilizzo di sistemi ed apparecchiature di telemedicina e teleassistenza.  


 

***

 
Formazione "Assistente Familiare" (2011-2012)
 

Anziani6


L'addetto all’assistenza a domicilio è una figura che svolge la sua attività prevalentemente nell'assistenza diretta e di cura dell'ambiente di vita, sia a domicilio dell'utente che nelle strutture di cura residenziali. Opera in collegamento con i servizi e con le risorse sociali al fine di favorire l'autonomia personale dell'utente, nel rispetto della sua autodeterminazione.

***
 

Progetto "Le quattro stagioni dell'apprendimento permanente" (2013)


convegno_pomarico


Con il Trattato di Lisbona del 2007 si è posto l’obiettivo generale di contribuire, attraverso l'apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell'ambiente per le generazioni future. 
 

***

Progetto ''La Basilicata nella produzione cinematografica''  (2014)

 
Foto_Levi

Il Centro Studi Intergenerazionale promuove nel 2014 la conoscenza della Basilicata attraverso la cultura cinematografica inquanto forma di espressione artistica e culturale. Il ciclo di seminari rientra nell’ ambito delle sue attività per l’attuazione di esperienze di apprendimento permanente in un'ottica intergenerazionale. 

***

Progetto "Generazioni in rete" (2014 - 2015)

generazioni_in_rete_-_Copia
Generazioni in rete è un evento che intende rinforzare sul territorio lucano un ambiente culturale capace di stimolare le persone a trasformare il loro potenziale innovativo in progetti concreti. Il suo scopo è quello di rendere possibile lo sviluppo imprenditoriale sul territorio lucano grazie all’incontro dell’esperienza e della solidità finanziaria di generazioni più anziane e il dinamismo e la innovatività dei giovani. 
***
La civiltà rupestre vissuta in Basilicata (2015)

manifesto_civilta_rupestre

Il convegno nazionale di studio si situa nel percorso culturale proposto dal Censin: "L’identità lucana attraverso il suo patrimonio culturale." Guido Piovene oltre cinquant’anni fa affermava come “la Basilicata dalle sue strettoie sprigiona una intelligenza aguzza, asciutta ed effettiva. Gente fiera i Lucani, hanno saputo mantenere la propria identità culturale basata sia su solide tradizioni, sia sul carattere ospitale e orgoglioso, ostinato e determinato” (Viaggio in Italia, 1957). Pertanto, anche questo appuntamento permetterà di immergersi in un osservatorio antropologico e artistico a volte poco approfondito della Città di Matera. 

***

Progetto "Identità lucana attraverso il suo patrimonio culturale" (2015)
 
Evento_Grottole
 

Il percorso di ricerca svolto dai Circoli della Cultura Censin ha confermato l'unicità della Basilicata nel mondo attraverso il suo patrimonio artistico e culturale come fiabe, leggende e credenze del '900.    

Meeting Censin - San Benedetto Patrono d'Europa (2016)

   Collaborazioni-Manifesto-1

Il meeting è incentrato sulla figura di San Benedetto, Patrono d’Europa e l’attualità della sua Regola. Infatti, attraverso le varie iniziative previste, si sono evidenziate non solo le memorie artistiche e architettoniche dei Benedettini nel territorio lucano, ma anche l’eredità culturale ed antropologica della Regula del Santo di Norcia, come possibile strumento e guida nelle relazioni fra le varie generazioni e tra i popoli. 
 

***

Progetto "Polo Plurifunzionale Intergenerazionale" (2017-2018)

Polo_Plurifunzionale_Intergenerazionale

Il progetto Polo Plurifunzionale Intergenerazionale mira a consolidare il processo di ottimizzazione delle opportunità per la salute, la partecipazione e la sicurezza e migliorare la qualità della vita degli anziani nel loro percorso d’ invecchiamento. 

* * *

info@censin.it